Skip to content

Ambienti virtuali 3D e Web: verso una reciproca integrazione e convergenza

21 February 2010

Una progressiva convergenza e le sue potenzialità

Alcune operazioni aziendali avvenute recentemente nell’ambiente dei mondi virtuali segnalano una tendenza in atto – la progressiva convergenza con i social networks del web – e hanno stimolato appropriate riflessioni da parte degli analisti del settore.

Secondo virtual-economy.org, queste evoluzioni indicano che è in corso una sorta di apertura, operata da parte di servizi che tradizionalmente sono stati definiti walled gardens (“giardini recintati” a indicare che i dati e i contenuti creati dagli utenti rimangono “murati” all’interno dell’applicazione). Questo cambio di tendenza riflette l’intrinseca caratteristica di “apertura” del World Wide Web, e più in generale la natura di Internet: la tendenza delle informazioni a fluire, più o meno liberamente, fuori dall’ambito in cui sono stati creati.

L’analista Dennis Shiao sviluppa invece nel suo articolo How 3D Virtual Worlds Can Be More Like Twitter And Facebook alcune interessanti considerazioni sulle potenzialità che derivano dall’integrazione fra i mondi virtuali e le reti sociali sviluppate sul World Wide Web.
Ad esempio, mostrare una zona di Second Life “in diretta” tramite una webcam virtuale ne aumenterebbe la visibilità e indurrebbe curiosità presso quegli utenti che ancora non usano il mondo virtuale. Il medesimo strumento potrebbe essere sfruttato dai proprietari e gestori di land, per monitorare comodamente da web le proprie strutture, senza dover necessariamente rimanere in-world tutto il tempo.
Contare sulle reti di contatti sviluppate sui social network potrebbe essere di grande aiuto per chi si trova nella fase iniziale di sperimentazione con gli ambienti virtuali – in questa fase, uno dei principali ostacoli è infatti non trovare facilmente compagnia.
E ancora, sapere chi fra i propri “amici” si trova in-world in un certo momento può rendere più efficace l’uso della piattaforma virtuale, aiutandoci a scegliere il momento più indicato per loggare; così come sapere quali posti hanno visitato e gradito potrebbe facilitare enormemente la ricerca di luoghi interessanti e/o popolari.

Vediamo ora alcune di queste operazioni aziendali avvenute negli ultimi mesi.

Linden Lab acquista il social network Avatars United

L’acquisizione è stata annunciata ufficialmente nel blog di Second Life alla fine di gennaio. Avatars United è una sorta di “Facebook per avatar”, naturalmente in miniatura e con innumerevoli limitazioni rispetto a Facebook – numerose sono per ora anche le pecche del sito in termini di usabilità e coerenza dell’interfaccia. Tuttavia è plausibile che durante il 2010 vengano superati molti di questi problemi: Avatars United è stato sviluppato finora da un team relativamente piccolo, mentre Linden Lab viaggia ormai verso i 400 dipendenti, dispone di un buon numero di sviluppatori web, ed è in una fase di investimento e consolidamento delle proprie infrastrutture. Questo lascia pensare che ci sia ampio margine per miglioramenti di vario tipo; e in effetti alcune richieste degli utenti (come l’eliminazione dal profilo dei gruppi in cui non si è ancora entrati) sono già state esaudite  nel giro di poche settimane.
Oltre alle tipiche attività di un social network (scambio di messaggi, pubblicazione di foto, gestione di gruppi etc.), Avatars United consente lo sviluppo di applicazioni Open Social, uno standard di API supportato da Google, Yahoo, Ning, MySpace e molti altri servizi.
Una delle (ancora poche) applicazioni per Avatars United che integra in modo interessante il sito con Second Life si chiama SL Blips e consente di mandare messaggi e foto sul sito mentre ci si trova in-world, con l’opzione di includere automaticamente lo SLURL della posizione in cui ci si trova.

Frenzoo estende il proprio supporto a Facebook

Frenzoo da pochi giorni ha esteso il proprio supporto a Facebook Connect. Maggiori informazioni in generale su Frenzoo, che funziona nativamente all’interno del web browser, nell’articolo di gennaio; ulteriori dettagli sul supporto a Facebook nel forum ufficiale.

L’implementazione è ancora in via di completamento ma è già possibile creare account e fare login usando Facebook; in prospettiva si potranno anche inviare contenuti da Frenzoo su Facebook. Non è prevista invece la possibilità di usare Frenzoo all’interno del sito di Facebook in maniera simile a quanto avviene con le numerosissime applicazioni sviluppate per il social network. Frenzoo ha recentemente anche rinnovato e espanso il proprio sistema di chat.

Da dicembre, Habbo Hotel supporta Facebook Connect

L’annuncio ufficiale si trova qui. Habbo Hotel supporta ora anche Google e Yahoo per il login. Con Facebook Connect è possibile ritrovare i propri contatti e si ha l’opzione di associare la propria identità su Habbo Hotel con quella su Facebook – che teoricamente rispecchia la vera identità personale dell’utente.
La propria attività all’interno di Habbo viene riflessa su Facebook e messa in evidenza ai propri “amici”. Habbo Hotel ha circa 15 milioni di utenti attivi.

Advertisements